29 ottobre 2019

Pavarotti: il docufilm di Ron Howard dedicato al grande tenore italiano.

Sarà nelle sale italiane eccezionalmente per tre giorni, il 28, 29 e 30 ottobre, il documentario diretto da Ron Howard e dedicato all’indimenticabile tenore Luciano Pavarotti.



Pavarotti, questo il titolo, è già uscito in America lo scorso giugno, ed è una raccolta di interviste, video di concerti live e immagini d'archivio provenienti fornite dalla famiglia dell'artista italiano.

Il regista di questo delicato montaggio di ricordi è Ron Howard (regista e sceneggiatore Premio Oscar per A Beautiful Mind e firma di grandi successi come Il Grinch, Il codice da Vinci) il quale, intervenuto di recente alla Festa del Cinema di Roma per presentare questo lavoro, ha esternato anche la sua stima verso l'uomo e l'artista Pavarotti: «Ho scoperto che la vita di Pavarotti era una vita a cui tutti potevano ispirarsi. Ho scoperto l'opera, ho avuto la possibilità di capirla. Come regista ho visto la sua grande forza, come riusciva a esprimere i suoi sentimenti attraverso il suo lavoro, e a portarli al pubblico»,

Così, nel documentario si mischia la passione per il suo lavoro ai momenti più introspettivi e autentici di Pavarotti così entusiasta, così determinato, così appassionato del suo lavoro e della vita; l'uomo e l'artista. 

In un video amatoriale, girato dalla sua amata moglie Nicoletta Mantovani, disse: «Vorrei essere ricordato per l’uomo che ha portato la lirica alle masse». 
Grazie al lavoro di Ron Howard, questa caratteristica di divulgatore per le masse è ben visibile, come tanti altri aspetti inediti ad esempio il suo rammarico di non esser presente per le sue figlie.

Insomma grazie a questi ricordi è possibile conoscere Pavarotti in modo più approfondito che, sebbene scomparso, continuerà a distingursi in eterno grazie al suo instancabile lavoro e alla sua ineguagliabile voce da tenore e questo documentario contribuirà di certo a non far spegnere il suo ricordo, già ben consolidato in tutto il mondo.

© Riproduzione Riservata.