Passa ai contenuti principali

Recensione: Viola di mare

E' il primo film italiano presentato al 44° festival internazionale del cinema di Roma. Viola Di Mare è il titolo di questa pellicola che affronta un tema importante quanto singolare per l'ambientazione e per la storia in sè.  Si tratta infatti del tema dell'omosessualità, ambientata in una isola immaginaria della Sicilia nel periodo di metà ottocento, durante lo sbarco dei Mille.


Angela, innamorata della sua amica d'infanzia Sara, rifiuta il matrimonio combinato dal padre- padrone (Ennio Fantastichini) e per difendere il suo amore omosessuale, è costretta dal padre, uomo influente nella società, a prender sembianze maschili per non creare scandalo. Angela diviene così Angelo, sia fisicamente (fasciandosi il seno, tagliando i capelli e vestendo da uomo), sia sulle carte dell'anagrafe sia agli occhi della chiesa, quasi a giustificare così quell' amore "insano".

Una rivoluzione quella di Angela abbastanza difficile da affrontare in quel contesto bigottamente storico di quell'isoletta immaginaria, dove giocano mentalità e ruoli ben definiti e preconcetti, pregiudizi estremamente saldi.  Ed e' proprio questo estremismo nel film che porta una ventata di libertà e di romanticismo quasi paradossale che coinvolge la vita delle due ragazze che sono sì costrette a vivere dapprima in modo clandestino il loro amore platonico, ma comunque in modo semplice e puro; tanto vero e profondo da arrivare infine al gesto estremo che avrebbe messo a tacere quella società ostile.

Valeria Solarino e Isabella Ragonese sono le due tormentate protagoniste femminili. Ennio Fantastichini (già ricordato) non smentisce la sua bravura interpretando il ruolo di un padre-padrone violento, colmo di repulsione nei confronti della figlia e che si scopre poi avere una relazione incestuosa con la sorella (come si suol dire: da che pulpito viene la predica...).

Nel film recitano anche Giselda Volodi, Marco Foschi, Alessio Vassallo, Aurora Quattrocchi, Lucrezia Lante della Rovere e Maria Grazia Cucinotta.

La regia è affidata alla regista messinese Donatella Maiorca che riesce a creare nelle scene iniziali, un mix confuso di immagini e ricordi che accompagna lo spettatore al tema che sarà poi centrale dell'età adulta delle due giovani donne.

Il Film è tratto dal libro del trapanese Giacomo Pilati, già alla terza ristampa, "Minchia di Re" e le musiche sono state affidate al talento di Gianna Nannini.

Le critiche su questo film sono contraddittorie, sia da parte dei critici che da parte degli spettatori: c'è chi lo trova noioso, ridondante, a tratti stanco, e chi invece lo trova romantico, più che mai attuale e profondo.

Insomma pareri diversi come è giusto che sia per un film che di sicuro sta facendo parlare molto di sè e che attira comunque la gente a vederlo.

Compra il DVD del film Viola di mare:

Gli articoli più letti della settimana

II. Le origini del cinema: il precinema e il Kinetoscopio di Edison.

Si definisce precinema il periodo che precede appunto la nascita del cinema dei fratelli Lumiere, durante il quale diversi inventori e studiosi crearono degli strumenti per far "muovere le immagini".

Approfondimenti: 40 anni dalla scomparsa di Peppino De Filippo, volto umano dello spettacolo.

Peppino de Filippo è stato un commediografo e attore teatrale cinematografico e televisivo. Nacque il 24 agosto 1903 e nel 2020 si celebrano i 40 anni dalla sua scomparsa avvenuta nel gennaio del 1980.

Recensione: film d'animazione La Famiglia Addams 2019

La Famiglia Addams , la versione cartone animato sviluppato con le tecnologie moderne, fa un passo indietro tornando ai disegni vintage e originali del creatore dei personaggi Charles Addams: Mortisia alta e magrissima, Gomez grossiccio e basso, Mercoledì con la testa allungata e pallida "in bianco e nero" come si definisce lei stessa nel film e dal carattere depresso, insomma un pò diversi dalle serie o dai film e anche dai cartoni animati visti fino ad oggi  nei quali sono stati applicati dei piccoli cambiamenti estetici. 

27 marzo 2020: il testo integrale dell'omelia di Papa Francesco a Piazza San Pietro per il Coronavirus

Pubblichiamo qui di seguito l'omelia pronunciata da Papa Francesco il 27 marzo 2020 in occasione della preghiera straordinaria per la pandemia da nuovo coronavirus che sta colpendo in questi mesi tutto il mondo facendo tantissimi morti.

Recensione libro : "Il gatto che amava la gentilezza." di Rachel Wells

Lettura interessante quella che ci propone Rachel Wells con il suo ultimo libro Il gatto che amava la gentilezza. Il libro è la sesta pubblicazione di una collana che vede come protagonista il gatto Alfie e le sue avventure colme di insegnamenti e  saggezza.

CORRERE IN ARIA il primo romanzo autobiografico di Larissa Iapichino

Esce il 22 marzo 'Correre in aria' (Mondadori), romanzo autobiografico di Larissa Iapichino, atleta italiana specializzata nel salto in lungo.   «Sono molto felice che questo tratto autobiografico, di un periodo bello quanto difficile che ho trascorso, possa essere letto da tante persone. Credo fermamente che, dove sembrano esserci sfide impossibili, quel che conta è individuare sempre il modo di saltare oltre. È questo il significato della mia storia, perché tutto è impossibile finché non lo si fa. In un mondo liquido, saper governare l'incertezza è fondamentale e lo sport, con misure, obiettivi e sfide, aiuta a temprare il carattere di noi giovani e non solo. Spero che a tutti i lettori venga tanta di voglia di “correre in aria” per andare a prendersi i propri sogni.»     Con queste parole Larissa Iapichino racconta la sua passione per lo sport, per la vita e per le sfide, di qualsiasi genere esse siano, come lo è stata scrivere questo romanzo autobiografico.   Figlia, so

Le origini del cinema: Joseph Plateau e il suo Fenachistoscopio

Quando si parla di come e quando è nato il cinema si pensa subito ai fratelli Lumiere e, in effetti, è giustissimo pensare a loro ma, non tutti sanno che, diversi anni prima qualcuno che poco c'entrava con l'arte, inventò uno strumento che costituì l'elemento principale, se vogliamo, del cinematografo. 

V. Le origini del cinema: Antoine Lumiere e l'invenzione del cinema dei fratelli Lumiere.

Antoine Lumière, padre dei due fratelli, come abbiamo già visto, assistette alla presentazione del Kinetoscopio di Edison; vide anche il Teatro Ottico di Reynaud e rimase molto colpito da entrambe le invenzioni, come tutti. 

Recensione: I viaggi di Gulliver, di Jonathan Swift

I viaggi di Gulliver è un romanzo fantastico scritto nel 1726 dallo scrittore e poeta irlandese Jonathan Swift. L'autore si cimenta nel racconto di strani viaggi in terre uniche, bizzarre e con caratteristiche diverse le une dalle altre come Lilliput, Brobdingnag, Laputa, Houyhnhnm e altre. 

Approfondimento: The Gold Rush - La febbre dell'oro di Charlie Chaplin

Per i cent'anni di Charlot, La Cineteca di Bologna presenta al cinema la versione restaurata di uno dei film più riusciti di Charlie Chaplin: The Gold Rush ovvero La febbre dell'oro.