27 agosto 2013

Film d'animazione:la chiocciolina Turbo conquista il secondo posto al box office

Due film d'animazione hanno guadagnato primo e secondo posto nella classifica box office di agosto: Monster university e Turbo.



Turbo è a metà strada tra Cars, e Z la formica: una chiocciolina vuole diventare veloce, per uno strano caso gli viene concesso questo dono e decide così di vincere le 500 miglia di Indianapolis, sogno incomprensibile per i suoi lenti amici e familiari. Ad un certo punto della storia la vita della chiocciola si incontra con quella di un giovane ragazzo, Tito, e da lì in poi sembra che le loro esistenze, i loro progetti crescano parallelamente.

Ironia, simpatia, sentimenti, sogni, avventura non mancano.I personaggi sono buffi e le animazioni sono ben fatte. Si è fatto un buon uso del 3D.

Insolita protagonista, una chiocciola: gli ideatori hanno portato in scena quel che si può dire un "luogo comune" e che in fondo viene ripreso anche nel film, tra i nomi delle sue compagne di "corsa" : la chiocciola (così come la tartaruga) è lenta e i nomi più bizzarri e paradossali che verrebbero in mente se si volesse dar loro un nome sarebbero "scheggia" "fulmine" e appunto "turbo"; da questa idea probabilmente ne hanno tratto un film originale, come tutti quelli della Dreamworks che si è cimentata già in passato ad ambientare le storie nel mondo degli insetti con appunto zeta la formica e bee movie.

Il film è stato proiettato in anteprima mondiale il 24 giugno 2013 a Barcellona in Spagna durante il CineEurope 2013. In Italia ha incassato: 2.266.058 €

Una pellicola che merita il suo secondo posto. Si dice che si sia fatto un passo indietro, che probabilmente questo film si rivolge nuovamente ad un pubblico molto giovane. Naturalmente non è paragonabile a Shrek o a Madagascar ma, in fondo, non mi è dispiaciuto e non rientro nella fascia "molto giovane" del pubblico. Se si prende un film d'animazione per quello che è, cioè una favola allegra, che fa sorridere e passare un pò di tempo serenamente, può essere gradevole anche per i grandi.

Dunque, un film rivolto ad un pubblico giovane, certo, ma che può esser apprezzato anche dai genitori.

VOTO 8

© RIPRODUZIONE RISERVATA


© Riproduzione Riservata.