Passa ai contenuti principali

Recensione: Non sposate le mie figlie!

Film francese uscito nell'aprile 2014, ha ottenuto in pochissime settimane in Francia un enorme successo classificandosi per ben 4 settimane al primo posto nel box office e totalizzando complessivamente 12, 2 milioni di entrate.  Diventa così il più grande successo al box office francese del 2014 e addirittura il 6° film ad ottenere un così grande successo nella storia del box office francese.




Inutile dire che, oltre a diversi premi e al successo in Francia, il film ha collezionato grandi consensi sopratutto in Germania ma anche in altri Paesi totalizzando in un anno ben 8,127, 896 entrate, non contando le entrate italiane.

Il film infatti è uscito nelle sale italiane il 5 febbraio 2015.

Ma come mai "Non sposate le mie figlie!" ha scatenato un così grande successo (ma anche diverse critiche)?

Partendo dalla trama, già si può scorgere uno dei motivi: è estremamente attuale sia in Francia che in tanti altri Paesi. Il tema sono i matrimoni misti, i preconcetti legati alle diverse culture che angosciano in maniera palese o meno gli animi dei genitori che vedono i rispettivi figli, appartenenti a diverse culture, unirsi in matrimonio.
La trama è infatti incentrata su questi aspetti: la famiglia Verneuil, cristiana, cattolica, estremamente tradizionalista e rigida è composta da quattro figlie e rispettivi genitori Claude e Marie, che vedranno man mano le loro adorate figliole legarsi in matrimonio a quattro giovani di altrettante culture diverse: un ebreo, un musulmano, un cinese, un africano. La coppia di genitori inizierà a confidarsi in privato le proprie paure, cercando di accettare alla meno peggio i futuri generi.

L'accettazione e l'elaborazione di queste nuove presenze, innescherà gag e situazioni molto divertenti ma nello stesso tempo pregne di significato; mentre si ride si riflette su un tema importante, attuale e diffuso un pò in tutto il mondo, affrontato con la leggerezza di una commedia che tale rimane nella sua apparenza, che non giudica nessuno se non in modo grottesco (in quanto commedia) ma che non può non suscitare domande o considerazioni a chi la osserva.

Diversi film negli anni hanno affrontato il tema del razzismo, uno fra gli altri è il classico "Indovina chi viene a cena?". Un film molto diverso da questo francese, ma che affronta la stessa tematica: la figlia che sposa un uomo di diversa cultura, colore, ecc.

Inutile dire che la storia di "Non spostate le mie figlie!" innesca una serie di battute una dietro l'altra contando su un cast di attori molto bravi: uno tra tutti Christian Clavier, il capo famiglia bigotto che viene letteralmente sopraffatto dagli eventi mantenendo una rigidezza che alla fine non potrà che abbandonare.

Christian Clavier, nello specifico, durante le presentazioni del film ne parlò più o meno così: "E' una commedia che ride di tutto e di tutti, sappiamo che il modo migliore per far riflettere su temi importanti spesso è con una risata. i francesi sono intelligenti e sanno anche ridere dei propri difetti, quindi guardando le loro debolezze nel film possono fare autocritica, pur divertendosi." Questa presentazione si addice un pò anche agli altri Paesi, perchè un tema comune a tutti.

Philippe de Chauveron, qui sceneggiatore e alla sua sesta regia, per questo film ha preso spunto sia dall'attualità francese (diversi studi dicono che il 20 % dei matrimoni in Francia si fanno tra individui di origine e di religione diverse) dalla sua vita privata e familiare: suo fratello ha sposato una magrebina, e lui stesso ha avuto una compagna africana. Per il personaggio di Marie, il regista si è ispirato a sua madre, catechista.

La bravura degli attori, la sceneggiatura incalzante e davvero leggera, seppur condita da battute "scorrette", rendono questa pellicola gradevole e scorrevole. Non soffermandoci solo sul tema matrimoni misti, multiculturalismo, razzismo, è un film francese nel complesso divertente e recitato bene.

Questi i pregi. I difetti: In America non è stato distribuito. Censurato per il tema razziale.

Il film "Non sposate le mie figlie!" termina con un prevedibile lieto fine che sembra dire, in fin dei conti: "tutto il mondo è paese" e,  probabilmente, ha ragione!

Gli articoli più letti della settimana

II. Le origini del cinema: il precinema e il Kinetoscopio di Edison.

Si definisce precinema il periodo che precede appunto la nascita del cinema dei fratelli Lumiere, durante il quale diversi inventori e studiosi crearono degli strumenti per far "muovere le immagini".

Approfondimenti: 40 anni dalla scomparsa di Peppino De Filippo, volto umano dello spettacolo.

Peppino de Filippo è stato un commediografo e attore teatrale cinematografico e televisivo. Nacque il 24 agosto 1903 e nel 2020 si celebrano i 40 anni dalla sua scomparsa avvenuta nel gennaio del 1980.

Recensione: film d'animazione La Famiglia Addams 2019

La Famiglia Addams , la versione cartone animato sviluppato con le tecnologie moderne, fa un passo indietro tornando ai disegni vintage e originali del creatore dei personaggi Charles Addams: Mortisia alta e magrissima, Gomez grossiccio e basso, Mercoledì con la testa allungata e pallida "in bianco e nero" come si definisce lei stessa nel film e dal carattere depresso, insomma un pò diversi dalle serie o dai film e anche dai cartoni animati visti fino ad oggi  nei quali sono stati applicati dei piccoli cambiamenti estetici. 

27 marzo 2020: il testo integrale dell'omelia di Papa Francesco a Piazza San Pietro per il Coronavirus

Pubblichiamo qui di seguito l'omelia pronunciata da Papa Francesco il 27 marzo 2020 in occasione della preghiera straordinaria per la pandemia da nuovo coronavirus che sta colpendo in questi mesi tutto il mondo facendo tantissimi morti.

Recensione libro : "Il gatto che amava la gentilezza." di Rachel Wells

Lettura interessante quella che ci propone Rachel Wells con il suo ultimo libro Il gatto che amava la gentilezza. Il libro è la sesta pubblicazione di una collana che vede come protagonista il gatto Alfie e le sue avventure colme di insegnamenti e  saggezza.

CORRERE IN ARIA il primo romanzo autobiografico di Larissa Iapichino

Esce il 22 marzo 'Correre in aria' (Mondadori), romanzo autobiografico di Larissa Iapichino, atleta italiana specializzata nel salto in lungo.   «Sono molto felice che questo tratto autobiografico, di un periodo bello quanto difficile che ho trascorso, possa essere letto da tante persone. Credo fermamente che, dove sembrano esserci sfide impossibili, quel che conta è individuare sempre il modo di saltare oltre. È questo il significato della mia storia, perché tutto è impossibile finché non lo si fa. In un mondo liquido, saper governare l'incertezza è fondamentale e lo sport, con misure, obiettivi e sfide, aiuta a temprare il carattere di noi giovani e non solo. Spero che a tutti i lettori venga tanta di voglia di “correre in aria” per andare a prendersi i propri sogni.»     Con queste parole Larissa Iapichino racconta la sua passione per lo sport, per la vita e per le sfide, di qualsiasi genere esse siano, come lo è stata scrivere questo romanzo autobiografico.   Figlia, so

Le origini del cinema: Joseph Plateau e il suo Fenachistoscopio

Quando si parla di come e quando è nato il cinema si pensa subito ai fratelli Lumiere e, in effetti, è giustissimo pensare a loro ma, non tutti sanno che, diversi anni prima qualcuno che poco c'entrava con l'arte, inventò uno strumento che costituì l'elemento principale, se vogliamo, del cinematografo. 

V. Le origini del cinema: Antoine Lumiere e l'invenzione del cinema dei fratelli Lumiere.

Antoine Lumière, padre dei due fratelli, come abbiamo già visto, assistette alla presentazione del Kinetoscopio di Edison; vide anche il Teatro Ottico di Reynaud e rimase molto colpito da entrambe le invenzioni, come tutti. 

Recensione: I viaggi di Gulliver, di Jonathan Swift

I viaggi di Gulliver è un romanzo fantastico scritto nel 1726 dallo scrittore e poeta irlandese Jonathan Swift. L'autore si cimenta nel racconto di strani viaggi in terre uniche, bizzarre e con caratteristiche diverse le une dalle altre come Lilliput, Brobdingnag, Laputa, Houyhnhnm e altre. 

Approfondimento: The Gold Rush - La febbre dell'oro di Charlie Chaplin

Per i cent'anni di Charlot, La Cineteca di Bologna presenta al cinema la versione restaurata di uno dei film più riusciti di Charlie Chaplin: The Gold Rush ovvero La febbre dell'oro.