Passa ai contenuti principali

Approfondimento: Frankenstein Junior

Giusto qualche giorno fa Mel Brooks ha compiuto 90 anni e Paramount Channel ha trasmesso in prima serata Frankenstein Junior.

Pellicola del 1974, quarto film diretto da Mel Brooks, Frankenstein Junior è nato dall'idea di Gene Wilder, che ne ha scritto la sceneggiatura (poi revisionata a quattro mani con il regista) e che nel film interpreta il


professore Frankenstin, geniale scienziato nipote del più famoso dott Frankenstein dal quale si dissocia non condividendo gli studi criticandoli aspramente, essendo lui un purista della scienza medica tradizionale.

Il film vuole essere il sequel comico del famoso film in bianco e nero Frankenstein di James Whale del 1931 e per l'occasione Mel Brook si è premurato di girare le scene totalmente in bianco e nero e riproporre l'ambientazione retrò anni 30, compresi gli effetti di transizione tra una scena e l'altra e gli oggetti di scena del film di Whale riproposti nelle stesse posizioni.

In stile assolutamente grottesco ironico e surreale, Frankenstein Junior presenta diverse scene culto passando alla storia come uno dei film più belli e ben riusciti del regista/attore.

Nel film ciò che colpisce è la leggerezza che Mel Brooks riesce a trasmettere senza però venir meno a quell'aspetto malinconico, inquietante e di suspense caratteristiche del film originale. Sa ben descrivere i personaggi dalla forte personalità e dalle caratteristiche ben definite, che riescono perfettamente ad amalgamarsi tra loro, regalando allo spettatore scene davvero esilaranti.
Non si finisce di sorridere mai, dalla prima battuta all'ultima.
La bravura e l'eleganza di Gene Wilder, doppiato nella versione italiana da un perfetto Oreste Lionello, è fondamentale in quanto regala alla storia un barlume di lucidità; in effetti rappresenta l'unico essere "sensato" in mezzo ad una banda di folli scriteriati che senza lui sarebbero assolutamente incomprensibili nelle loro gesta.
Il dottor Frankenstin è il fulcro dal quale scaturiscono le famose scene con Igor (Marty Feldnam), perfetta spalla comica e beffarda, o la collaboratrice ingenuamente seducente e infine con la stessa creatura (Peter Boyle), disprezzata da tutti drammaticamente infelice che trova nel suo creatore l'unico rifugio amorevole.

Una storia con una sceneggiatura geniale, fitta di dialoghi comici, che si sviluppano per tutta la trama non lasciando annoiare lo spettatore il quale rimane assolutamente immerso nell'atmosfera cercando di seguirne il filo logico. La musica, anch'essa di Mel Brooks a tratti malinconica, triste, distorta che al semplice ascolto sembra quasi angosciante, nel film diventa una perfetta cornice di rottura che rende un pò più tetre alcune scene assolutamente colorate dalla pazzia dei personaggi.

Un lavoro che parte come parodia ma che per l' attenzione minuziosa di regia e sceneggiatura e per la bravura degli attori, si trasforma in un film e che si distingue alla fine dall' originale conquistando la sua individualità.

Finale ovviamente surreale che regala nella sigla un simpatico balletto scalmanato con tutti i protagonisti  e Mel Brooks che irrompe nel set.

Di certo uno dei più bei film diretti da Mel Brooks e di Gene Wilder, che ha conquistato diverse nominations Premio Oscar e Golden Globe.

Può rimanere nella storia e avere un successo più importante rispetto al film al quale si ispira un sequel comico? Beh, Mel Brooks e Gene Wilder ci insegnano che sì, "SI PUò FARE"!

Gli articoli più letti della settimana

II. Le origini del cinema: il precinema e il Kinetoscopio di Edison.

Si definisce precinema il periodo che precede appunto la nascita del cinema dei fratelli Lumiere, durante il quale diversi inventori e studiosi crearono degli strumenti per far "muovere le immagini".

Approfondimenti: 40 anni dalla scomparsa di Peppino De Filippo, volto umano dello spettacolo.

Peppino de Filippo è stato un commediografo e attore teatrale cinematografico e televisivo. Nacque il 24 agosto 1903 e nel 2020 si celebrano i 40 anni dalla sua scomparsa avvenuta nel gennaio del 1980.

Recensione: film d'animazione La Famiglia Addams 2019

La Famiglia Addams , la versione cartone animato sviluppato con le tecnologie moderne, fa un passo indietro tornando ai disegni vintage e originali del creatore dei personaggi Charles Addams: Mortisia alta e magrissima, Gomez grossiccio e basso, Mercoledì con la testa allungata e pallida "in bianco e nero" come si definisce lei stessa nel film e dal carattere depresso, insomma un pò diversi dalle serie o dai film e anche dai cartoni animati visti fino ad oggi  nei quali sono stati applicati dei piccoli cambiamenti estetici. 

27 marzo 2020: il testo integrale dell'omelia di Papa Francesco a Piazza San Pietro per il Coronavirus

Pubblichiamo qui di seguito l'omelia pronunciata da Papa Francesco il 27 marzo 2020 in occasione della preghiera straordinaria per la pandemia da nuovo coronavirus che sta colpendo in questi mesi tutto il mondo facendo tantissimi morti.

Recensione libro : "Il gatto che amava la gentilezza." di Rachel Wells

Lettura interessante quella che ci propone Rachel Wells con il suo ultimo libro Il gatto che amava la gentilezza. Il libro è la sesta pubblicazione di una collana che vede come protagonista il gatto Alfie e le sue avventure colme di insegnamenti e  saggezza.

CORRERE IN ARIA il primo romanzo autobiografico di Larissa Iapichino

Esce il 22 marzo 'Correre in aria' (Mondadori), romanzo autobiografico di Larissa Iapichino, atleta italiana specializzata nel salto in lungo.   «Sono molto felice che questo tratto autobiografico, di un periodo bello quanto difficile che ho trascorso, possa essere letto da tante persone. Credo fermamente che, dove sembrano esserci sfide impossibili, quel che conta è individuare sempre il modo di saltare oltre. È questo il significato della mia storia, perché tutto è impossibile finché non lo si fa. In un mondo liquido, saper governare l'incertezza è fondamentale e lo sport, con misure, obiettivi e sfide, aiuta a temprare il carattere di noi giovani e non solo. Spero che a tutti i lettori venga tanta di voglia di “correre in aria” per andare a prendersi i propri sogni.»     Con queste parole Larissa Iapichino racconta la sua passione per lo sport, per la vita e per le sfide, di qualsiasi genere esse siano, come lo è stata scrivere questo romanzo autobiografico.   Figlia, so

Le origini del cinema: Joseph Plateau e il suo Fenachistoscopio

Quando si parla di come e quando è nato il cinema si pensa subito ai fratelli Lumiere e, in effetti, è giustissimo pensare a loro ma, non tutti sanno che, diversi anni prima qualcuno che poco c'entrava con l'arte, inventò uno strumento che costituì l'elemento principale, se vogliamo, del cinematografo. 

V. Le origini del cinema: Antoine Lumiere e l'invenzione del cinema dei fratelli Lumiere.

Antoine Lumière, padre dei due fratelli, come abbiamo già visto, assistette alla presentazione del Kinetoscopio di Edison; vide anche il Teatro Ottico di Reynaud e rimase molto colpito da entrambe le invenzioni, come tutti. 

Recensione: I viaggi di Gulliver, di Jonathan Swift

I viaggi di Gulliver è un romanzo fantastico scritto nel 1726 dallo scrittore e poeta irlandese Jonathan Swift. L'autore si cimenta nel racconto di strani viaggi in terre uniche, bizzarre e con caratteristiche diverse le une dalle altre come Lilliput, Brobdingnag, Laputa, Houyhnhnm e altre. 

Approfondimento: The Gold Rush - La febbre dell'oro di Charlie Chaplin

Per i cent'anni di Charlot, La Cineteca di Bologna presenta al cinema la versione restaurata di uno dei film più riusciti di Charlie Chaplin: The Gold Rush ovvero La febbre dell'oro.