Passa ai contenuti principali

Recensione: Torno da mia madre.

 I Francesi risultano molto attenti nel raccontare, nelle loro commedie, scorci di attuale vita sociale senza mai trascendere nei moralismi, nei giudizi, negli stereotipi di parte; raccontano senza prendere, volutamente, posizione.



Questa è una grande qualità, perchè mettono la verità neutra davanti allo spettatore che può così riflettere sulla situazione della società in cui vive, senza sentirsi giudicato o indirizzato; è libero di scegliere e questo rende spassosa la visione del film.

Quando ci sono temi sociali, il cinema francese utilizza spesso le commedie, proprio perchè i francesi, nonostante non sembri, sono molto autoironici e autocritici. Dipende ovviamente da come porgi loro la questione. Il genere cinematografico più facile, veloce ed efficace per trasmettere il messaggio e che li conquista, sembra proprio la commedia.
Due esempi recenti: il campione d' incassi " Non sposate le mie figlie" con Christian Clavier e l'ultimo uscito "Torno da mia madre" altro campione d'incassi, con Josiane Balasko.
Due film che affrontano con il sorriso temi importanti, seri e attuali con una leggerezza che fa riflettere, senza fare paternalismi.

In passato ci sono stati altrettanti successi come Giù al nord, di e con Dany Boon e Kad Merad, che parlavano di temi attuali con estremo apprezzamento, non solo in Francia, da parte degli spettatori.

Su questi ingranaggi si forma quindi anche Torno da mia madre, commedia che racconta la storia di Stephanie una "giovane" 40enne che si ritrova senza marito, lavoro, casa.Costretta dagli eventi, torna da sua madre, una signora libera ed indipendende (Josiane Balasko), che ha le sue abitudini dentro e fuori casa e che accoglie la figlia mantenendo inalterata la sua routine.Routine che inizia a star stretta alla figlia, qui interpretata da Alexandra Lamy, ormai grande e con le proprie di abitudini che mal si sposano con quelle della madre.Inizia così una particolare convivenza, che mette a dura prova i nervi della figlia già disperata per le sue condizioni, in cerca di una soluzione che non trova e con i fratelli che colgono l'occasione di un pranzo in famiglia per riaccendere antichi rancori.
Una commedia che vede la difficoltà della generazione boomerang, di quei 40enni che hanno tentato di allontanarsi da casa ma che sono tornati rovinosamente alle famiglie di origine per problemi economici, lavorativi, ecc. e la contrappone alle vecchie e più solide generazioni che per questo sembrano molto più calme e pronte a godesi la vita, come la madre della protagonista. E proprio per lo scontro/scambio generazionale e la voglia di godersi la vita (seppur in segreto per timore dei pregiudizi dei figli), la trama diventa esilarante con scenette davvero simpatiche, come il tentativo di Stephaine di creare un indirizzo email per la madre completamente estranea al mondo del web o i vari equivoci che quest'ultima creerà per nascondere la sua "seconda giovinezza" ai figli. Josiane Balasko brillante come sempre riesce con il suo carattere sarcastico e ironico a dare un tocco di personalità in più al personaggio che interpreta.Ottima l'intesa corale dei personaggi che fanno scorrere il film in maniera piacevole.La trama è stata criticata per non approfondire le varie tematiche che vengono presentate al pubblico ma questa caratteristica, in questo caso, non è una pecca, piuttosto la voglia di mostrare temi attuali su cui riflettere con leggerezza ed un sorriso e  questa commedia con la regia di Éric Lavaine, ci riesce benissimo.

Gli articoli più letti della settimana

II. Le origini del cinema: il precinema e il Kinetoscopio di Edison.

Si definisce precinema il periodo che precede appunto la nascita del cinema dei fratelli Lumiere, durante il quale diversi inventori e studiosi crearono degli strumenti per far "muovere le immagini".

Approfondimenti: 40 anni dalla scomparsa di Peppino De Filippo, volto umano dello spettacolo.

Peppino de Filippo è stato un commediografo e attore teatrale cinematografico e televisivo. Nacque il 24 agosto 1903 e nel 2020 si celebrano i 40 anni dalla sua scomparsa avvenuta nel gennaio del 1980.

Recensione: film d'animazione La Famiglia Addams 2019

La Famiglia Addams , la versione cartone animato sviluppato con le tecnologie moderne, fa un passo indietro tornando ai disegni vintage e originali del creatore dei personaggi Charles Addams: Mortisia alta e magrissima, Gomez grossiccio e basso, Mercoledì con la testa allungata e pallida "in bianco e nero" come si definisce lei stessa nel film e dal carattere depresso, insomma un pò diversi dalle serie o dai film e anche dai cartoni animati visti fino ad oggi  nei quali sono stati applicati dei piccoli cambiamenti estetici. 

27 marzo 2020: il testo integrale dell'omelia di Papa Francesco a Piazza San Pietro per il Coronavirus

Pubblichiamo qui di seguito l'omelia pronunciata da Papa Francesco il 27 marzo 2020 in occasione della preghiera straordinaria per la pandemia da nuovo coronavirus che sta colpendo in questi mesi tutto il mondo facendo tantissimi morti.

Recensione libro : "Il gatto che amava la gentilezza." di Rachel Wells

Lettura interessante quella che ci propone Rachel Wells con il suo ultimo libro Il gatto che amava la gentilezza. Il libro è la sesta pubblicazione di una collana che vede come protagonista il gatto Alfie e le sue avventure colme di insegnamenti e  saggezza.

CORRERE IN ARIA il primo romanzo autobiografico di Larissa Iapichino

Esce il 22 marzo 'Correre in aria' (Mondadori), romanzo autobiografico di Larissa Iapichino, atleta italiana specializzata nel salto in lungo.   «Sono molto felice che questo tratto autobiografico, di un periodo bello quanto difficile che ho trascorso, possa essere letto da tante persone. Credo fermamente che, dove sembrano esserci sfide impossibili, quel che conta è individuare sempre il modo di saltare oltre. È questo il significato della mia storia, perché tutto è impossibile finché non lo si fa. In un mondo liquido, saper governare l'incertezza è fondamentale e lo sport, con misure, obiettivi e sfide, aiuta a temprare il carattere di noi giovani e non solo. Spero che a tutti i lettori venga tanta di voglia di “correre in aria” per andare a prendersi i propri sogni.»     Con queste parole Larissa Iapichino racconta la sua passione per lo sport, per la vita e per le sfide, di qualsiasi genere esse siano, come lo è stata scrivere questo romanzo autobiografico.   Figlia, so

Le origini del cinema: Joseph Plateau e il suo Fenachistoscopio

Quando si parla di come e quando è nato il cinema si pensa subito ai fratelli Lumiere e, in effetti, è giustissimo pensare a loro ma, non tutti sanno che, diversi anni prima qualcuno che poco c'entrava con l'arte, inventò uno strumento che costituì l'elemento principale, se vogliamo, del cinematografo. 

V. Le origini del cinema: Antoine Lumiere e l'invenzione del cinema dei fratelli Lumiere.

Antoine Lumière, padre dei due fratelli, come abbiamo già visto, assistette alla presentazione del Kinetoscopio di Edison; vide anche il Teatro Ottico di Reynaud e rimase molto colpito da entrambe le invenzioni, come tutti. 

Recensione: I viaggi di Gulliver, di Jonathan Swift

I viaggi di Gulliver è un romanzo fantastico scritto nel 1726 dallo scrittore e poeta irlandese Jonathan Swift. L'autore si cimenta nel racconto di strani viaggi in terre uniche, bizzarre e con caratteristiche diverse le une dalle altre come Lilliput, Brobdingnag, Laputa, Houyhnhnm e altre. 

Approfondimento: The Gold Rush - La febbre dell'oro di Charlie Chaplin

Per i cent'anni di Charlot, La Cineteca di Bologna presenta al cinema la versione restaurata di uno dei film più riusciti di Charlie Chaplin: The Gold Rush ovvero La febbre dell'oro.