29 febbraio 2020

Mostra: "Il Centenario - Alberto Sordi 1920-2020", dal 7 marzo al 29 giugno.

Si terrà dal 7 marzo al 29 giugno nella villa romana dell'attore, aperta al pubblico per la prima volta, la grande mostra "Il Centenario - Alberto Sordi 1920-2020" per celebrare l'artista a cento anni dalla nascita.
L'esposizione si svilupperà percorrendo tutti gli ambienti della bellissima abitazione situata in piazzale Numa Pompilio a Roma, nascosta nel verde di Caracalla e progettata negli Anni Trenta dall'architetto Clemente Busiri Vici; lì si racconterà la vita dell'uomo e la sua carriera d'artista attraverso documenti inediti, oggetti, abiti, fotografie, video e curiosità.


Uno scenario che permetterà ai visitatori di conoscere la vita quotidiana, tra le passioni e i segreti del grande Alberto Sordi, molto famoso per i suoi film ma poco conosciuto nella sua sfera privata.

Inoltre, in uno spazio aperto al pubblico verrà proiettato un filmato dedicato a Sordi curato da Istituto Luce Cinecittà.

L'evento terminerà il 15 giugno con il festeggiamento del compleanno dell'attore a cui parteciperanno anche amici e colleghi del mondo dello spettacolo.

Come ha riferito il curatore Alessandro Nicosia: "L'obiettivo di questa mostra dedicata al grande Alberto è soprattutto aprire per la prima volta al grande pubblico la Villa rifugio di Sordi, farla conoscere così com'era invariata nel tempo, e ricostruire cronologicamente il suo percorso di uomo e di attore. Proprio per valorizzare la storia di questa casa che diventerà presto un museo, si è cercato di rispettare gli ambienti che sono rimasti intatti dopo la morte dell'attore, cosi' come lui li aveva voluti e vissuti, facendoli dialogare con la proposta espositiva piena di sorprese e di tanti inediti. Un Sordi speciale, vero: il maestro fu un benefattore, un amante degli animali e delle belle donne, un collezionista d'arte, un fotografo appassionato, un viaggiatore".

Di certo Alberto Sordi, che diventò attore da autodidatta senza nessuna preparazione alle spalle se non la sua personale esperienza, fu un grande artista che tramite i suoi personaggi seppe cogliere le sfaccettature della società del Novecento raccontandole sempre con sottile ironia e in modo arguto e geniale.

Unico e riconoscibile sia per la voce (oltre che attore fu anche doppiatore del famoso Oliver Hardy), che per le battute, oltre che grande gentiluomo nella vita privata, discreto ed educato, Alberto Sordi rimarrà per sempre nella storia del cinema e nei cuori degli italiani.

© Riproduzione Riservata.