Passa ai contenuti principali

V. Le origini del cinema: Antoine Lumiere e l'invenzione del cinema dei fratelli Lumiere.

Antoine Lumière, padre dei due fratelli, come abbiamo già visto, assistette alla presentazione del Kinetoscopio di Edison; vide anche il Teatro Ottico di Reynaud e rimase molto colpito da entrambe le invenzioni, come tutti. 


I rappresentanti di Thomas Edison offrirono persino un campione di una trentina di centimetri della pellicola di 35 mm perforata dell'industria americana ad Antoine che si definì «Meravigliato dal Kinétoscope di Edison».

Una volta rientrato a Lione parlò delle invenzioni che aveva visto ai suoi figli, spingendoli a progettare qualcosa di simile, sebbene le creazioni di Edison e di Reynaud non potevano ancora definirsi "cinema"; erano solo degli esperimenti, meglio riusciti degli altri e che si avvicinavano comunque molto a quella idea. 

In ogni caso Edison aveva già coniato il nome "film" per le sue pellicole e in effetti in senso stretto erano e sono quelli i film: immagini impresse su pellicola.

Antoine capì che quel mercato che stava nascendo poteva creare dei profitti ma si rese conto anche che il Kinetoscopio era parecchio limitavo dato che poteva esser visionato il film da una persona alla volta. Si oerientò quindi sull'invenzione di Reynaud, il Théâtre Optique, grazie anche alla reazione entusiasta del pubblico. Antonie si basò su questo per formulare l'idea definitiva: bisognava proiettare sullo schermo non dei disegni animati ma persone in movimento e naturalmente come nel teatro ottico, davanti a un'assemblea di pubblico.

La pellicola flessibile prodotta da Eastman riscuote una provvigione di diritti industriali inclusi il prezzo al metraggio del supporto venduto. la loro imitazione costituirebbe un caso di violazione, e Edison non esiterebbe a citarli in giudizio. Per evitare di pagare i diritti d'autore agli Stati Uniti d'America, i fratelli Lumière studiano un sistema di perforazione rotonda da applicare ai loro film, disposti lateralmente a ragione di una sola perforazione su entrambi i lati di tutti i fotogrammi.

Il movimento di penetrazione e successivo ritiro nella perforazione rotonda del dispositivo sulla pellicola dei Lumiere avviene attraverso un braccio che regge due rampe aiutato da una cremagliera rotante. 
Ma la scelta costretta dei Lumier di usare questo formato di pellicola, non fu molto seguita perchè, come già visto, il formato di Edison di una pellicola 35mm rettangolare fu quella, ancora ad oggi, usata perchè considerata più efficiente e venne scelta come metodo standard in tutto il mondo da parte dei fabbricanti di pellicole per le proiezioni dei film dal 1903.

I fratelli Lumière comunque prepararono una serie di proiezioni a pagamento a Parigi, nel Salon indien du Grand Café, al nº 14 del Boulevard des Capucines.
Il primo giorno, il 28 dicembre 1895, erano presenti solo 33 spettatori compresi due giornalisti, venuti ad osservare questo «nuovo spettacolo». Il passaparola tra la gente favorì l'espansione di quella novità e in una settimana la fila di persone diventò di dimensioni epocali: le proiezioni raggiunsero il tutto esaurito e le sessioni giornaliere raddoppiarono; l'impatto di quanto accade nei mesi successivi fu globale.

Diversi film costituirono lo straordinario spettacolo:

  • La sortie de l'usine Lumière a Lyon
  • La Place des Cordeliers à Lyon
  • Le Débarquement du congrès de photographie à Lyon
  • La Mer (Baignade en mer), due bambini immersi nelle onde 
  • Les Forgerons
  • Due scene familiari con il piccolo figlio di Auguste Lumière come protagonista, Le Repas de bébé e La Pêche aux poissons rouges 
  • Due scenette comiche di vita militare, La Voltige e Le Saut à la couverture 
  • L'Arroseur arrosé, che è il primo vero film nella storia del cinema interpretato da attori (i primi film di finzione sono le pantomime disegnate da Émile Reynaud). 

Pochi giorni dopo, il 6 gennaio 1896, i due fratelli presentarono un altro film, il famoso L'arrivée d'un train en gare de La Ciotat.

Il Grand Café esiste ancora oggi: è diventato un albergo con il nome "Le Café Lumière - Hôtel Scribe"; la sala cinematografica più antica al mondo tuttora in attività si trova sempre in Francia, ad Aniche: L'Idéal Cinéma-Jacques Tati, inaugurato il 26 gennaio 1902 e aperto al pubblico il 23 novembre 1905.

Gli studi dei Lumiere e le successive rappresentazioni cinematografiche, segnarono finalmente il passaggio dal "Precinema" al Cinema.

Gli articoli più letti della settimana

II. Le origini del cinema: il precinema e il Kinetoscopio di Edison.

Si definisce precinema il periodo che precede appunto la nascita del cinema dei fratelli Lumiere, durante il quale diversi inventori e studiosi crearono degli strumenti per far "muovere le immagini".

Approfondimenti: 40 anni dalla scomparsa di Peppino De Filippo, volto umano dello spettacolo.

Peppino de Filippo è stato un commediografo e attore teatrale cinematografico e televisivo. Nacque il 24 agosto 1903 e nel 2020 si celebrano i 40 anni dalla sua scomparsa avvenuta nel gennaio del 1980.

Recensione: film d'animazione La Famiglia Addams 2019

La Famiglia Addams , la versione cartone animato sviluppato con le tecnologie moderne, fa un passo indietro tornando ai disegni vintage e originali del creatore dei personaggi Charles Addams: Mortisia alta e magrissima, Gomez grossiccio e basso, Mercoledì con la testa allungata e pallida "in bianco e nero" come si definisce lei stessa nel film e dal carattere depresso, insomma un pò diversi dalle serie o dai film e anche dai cartoni animati visti fino ad oggi  nei quali sono stati applicati dei piccoli cambiamenti estetici. 

27 marzo 2020: il testo integrale dell'omelia di Papa Francesco a Piazza San Pietro per il Coronavirus

Pubblichiamo qui di seguito l'omelia pronunciata da Papa Francesco il 27 marzo 2020 in occasione della preghiera straordinaria per la pandemia da nuovo coronavirus che sta colpendo in questi mesi tutto il mondo facendo tantissimi morti.

Recensione libro : "Il gatto che amava la gentilezza." di Rachel Wells

Lettura interessante quella che ci propone Rachel Wells con il suo ultimo libro Il gatto che amava la gentilezza. Il libro è la sesta pubblicazione di una collana che vede come protagonista il gatto Alfie e le sue avventure colme di insegnamenti e  saggezza.

CORRERE IN ARIA il primo romanzo autobiografico di Larissa Iapichino

Esce il 22 marzo 'Correre in aria' (Mondadori), romanzo autobiografico di Larissa Iapichino, atleta italiana specializzata nel salto in lungo.   «Sono molto felice che questo tratto autobiografico, di un periodo bello quanto difficile che ho trascorso, possa essere letto da tante persone. Credo fermamente che, dove sembrano esserci sfide impossibili, quel che conta è individuare sempre il modo di saltare oltre. È questo il significato della mia storia, perché tutto è impossibile finché non lo si fa. In un mondo liquido, saper governare l'incertezza è fondamentale e lo sport, con misure, obiettivi e sfide, aiuta a temprare il carattere di noi giovani e non solo. Spero che a tutti i lettori venga tanta di voglia di “correre in aria” per andare a prendersi i propri sogni.»     Con queste parole Larissa Iapichino racconta la sua passione per lo sport, per la vita e per le sfide, di qualsiasi genere esse siano, come lo è stata scrivere questo romanzo autobiografico.   Figlia, so

Le origini del cinema: Joseph Plateau e il suo Fenachistoscopio

Quando si parla di come e quando è nato il cinema si pensa subito ai fratelli Lumiere e, in effetti, è giustissimo pensare a loro ma, non tutti sanno che, diversi anni prima qualcuno che poco c'entrava con l'arte, inventò uno strumento che costituì l'elemento principale, se vogliamo, del cinematografo. 

Recensione: I viaggi di Gulliver, di Jonathan Swift

I viaggi di Gulliver è un romanzo fantastico scritto nel 1726 dallo scrittore e poeta irlandese Jonathan Swift. L'autore si cimenta nel racconto di strani viaggi in terre uniche, bizzarre e con caratteristiche diverse le une dalle altre come Lilliput, Brobdingnag, Laputa, Houyhnhnm e altre. 

Approfondimento: The Gold Rush - La febbre dell'oro di Charlie Chaplin

Per i cent'anni di Charlot, La Cineteca di Bologna presenta al cinema la versione restaurata di uno dei film più riusciti di Charlie Chaplin: The Gold Rush ovvero La febbre dell'oro.