Passa ai contenuti principali

Cesare Cremonini in libreria il 1° dicembre con "LET THEM TALK - Ogni canzone è una storia"

Esce il 1 dicembre Let them talk - Ogni canzone è una storia, un libro di Cesare Cremonini in cui la musica diviene, attraverso le sue parole, racconto: delle sue canzoni e della sua vita, del passato ma anche del presente e del futuro, di una generazione e del suo modo di pensare, di Cremonini ma anche di tutti noi.

«(…) Faccio canzoni solo quando trovo un punto di incontro. Con vite devastate, vissute fino in fondo. Con gli uomini e le donne che hanno già amato, sofferto e dato. Anche se le mie canzoni restano sospese in un sentimento leggero, che tende alla gioia, è proprio in quelle vite che trovo l’interlocutore ideale, nel punto di contatto in cui siamo fragili. È lì che finiamo per somigliarci tutti. Così questo libro non cercherà di raccontare le mie diversità, ciò che mi rende unico per i dolori vissuti o per le fortune e i successi. Al contrario. Questo libro è nato, come tutte le mie canzoni, per far incontrare, e stringersi in un abbraccio, la mia storia con le storie di chi vi entra o ci passa accanto per caso. Le canzoni sono piene di metafore convincenti, ma quella che preferisco è già qui, la state leggendo. Anche Tu, come Me».


Cesare Cremoni racconta così lo spirito di questo libro, con un invito ai lettori ad abbandonarsi al suo mondo per riconoscervi, forse, anche il loro. Cremonini è stato, fino a questo libro, uno dei misteri meglio custoditi della musica italiana. Di lui conoscevamo soprattutto le canzoni, l’ironia e la riservatezza. Perciò Let them talk - Ogni canzone è una storia, è un piccolo miracolo. 


In queste pagine Cremonini finalmente si svela, con estro inafferrabile, come nel suo stile, disseminando la scrittura di indizi, di tessere che a poco a poco compongono il mosaico della sua personalità. Il fascino di Cremonini sta infatti proprio nelle sue contraddizioni, era un bambino introverso fino alle lacrime ma allo stesso tempo accentratore, esibizionista, già votato allo spettacolo: «(…) sono stato un figlio che sfuggiva alle regole borghesi della famiglia pur assimilandone i comandamenti, per nulla impaurito dall’idea della fuga verso il mondo esterno, anzi attratto dagli sguardi degli altri. Un figlio che scriveva in continuazione, recitava, ballava, inventava, durante le vacanze in famiglia, durante le lezioni a scuola, durante i pomeriggi di studio, prima di dormire e anche nei sogni. (…) Ogni sera nella camera dei miei andava in scena un musical diverso. (…) Tutti i giorni con un’idea diversa di me». 


Quella di Cremonini era una famiglia indifferente alla musica, mentre lui si scopriva un piccolo pianista che cresceva ossessionato dalle note, fino alla ribellione, al travestimento, alla fuga e al successo improvviso, travolgente.


Oggi, a quarant’anni, Cesare Cremonini è una star, un uomo che, mentre ti parla, sorride, ma nasconde più di un lato oscuro. E in questo libro li rivela, non per soddisfare la nostra morbosità ma perché è da queste ambivalenze, dal buio dove vivono i suoi demoni, contrapposto alla solarità del suo continuo omaggio alla vita, che sono nate le sue canzoni. «Ero felice, è vero. Ma a volte non si ha altra scelta».


Le canzoni, filo conduttore, ma solo apparente, di Let them talk, stavolta parlano loro eccome! Ognuna è la chiave di un mondo, uno scrigno che Cremonini ci apre per farci attraversare le porte di quel mondo, il suo. Fatto di un’attrazione totale verso il lato poetico della vita, di curiosità verso l’ignoto, di grandi perdite e di sogni ritrovati, di libri letti e immaginati, di film visti e interiorizzati, per spiegarci che l’arte è una sola e ci ricorda chi siamo: «(…) Io non sono soltanto un cantante. Questa parola di cui si abusa mi rappresenta solo in parte. Sono un uomo, e se oltre a un uomo sono davvero un artista, questo fa un artista: getta su un foglio quel che percepisce come imminente, senza sapere quando e per chi accadrà». 


Lo sfondo di questo racconto sono i famosi colli bolognesi e le strade segrete di un’ Emilia Romagna divertente, sexy, generosa di forme e tollerante nell’animo, fertile vivaio di grandi talenti e campioni. Proprio a questa terra appartiene il genio artistico di Aldo Drudi, poliedrico designer che ha creato la copertina di Let them talk. 


Infine, chiude il libro una postfazione firmata dallo scrittore e critico musicale Michele Monina, che ha curato il volume e che, come scrive Cremonini, «ha saputo convincermi a scrivere e a raccontarmi» e, nelle pagine finali, inquadra le canzoni e la carriera del cantautore bolognese degli ultimi vent’anni.


Cesare Cremonini, Let them talk,  in libreria dal 1 dicembre e preordinabile sugli store digitali dal 7 novembre, Mondadori, 228 pagine, 18 euro.


(Ufficio Stampa Mondadori, Chiara Giorcelli)

I più letti del mese

II. Le origini del cinema: il precinema e il Kinetoscopio di Edison.

Si definisce precinema il periodo che precede appunto la nascita del cinema dei fratelli Lumiere, durante il quale diversi inventori e studiosi crearono degli strumenti per far "muovere le immagini". Dopo la scoperta della fotografia, infatti, ci si interessò a trovare un modo per far muovere le fotografie anche a scopi scientifici e non solo meramente ludici. Ecco così che nacquero varie invenzioni molto importanti come: Lanterna magica Mondo nuovo Taumatropio Fenachistoscopio (ne abbiamo già parlato  qui ) Stereoscopio Cineografo Zootropio Stereofantascopio Prassinoscopio e Teatro ottico Kaiserpanorama Stereo-cinema Esperimento di Muybridge  Il fucile fotografico Kinetoscopio Quest'ultimo, il Kinetoscopio fu inventato da Thomas Edison ed è forse l'invenzione che più si avvicina rispetto a tutti gli altri citati, alla concezione di cinema e alla volontà di creare immagini in movimento in modo sequenziale. Edison per questa invenzione si ispirò al Mondo nuovo, tecn

festival di Venezia 2022: programma e film in concorso

Il direttore artistico Alberto Barbera con il presidente della Biennale Roberto Cicutto ha annunciato i cinque film diretti da registi italiani in gara: "Il signore delle formiche" di Gianni Amelio; "Bones And All" di Luca Guadagnino; "Chiara" di Susanna Nicchiarelli; "Monica" di Andrea Pallaoro; "L'immensità" di Emanuele Crialese. La 79. Mostra del Cinema si terrà dal 31 agosto al 10 settembre Hanno inoltre presentato il programma della 79.ma Mostra internazionale d'Arte Cinematografica nell'anno in cui ricorre il 90.mo anniversario della sua fondazione.  Il Festival di Venezia si svolgerà dal 31 agosto al 10 settembre, ad aprire la kermesse sara il film White Noise, di Noah Baumbach, tratto dal romanzo omonimo di Don De Lillo e interpretato da Adam Driver mentre la chiusura della ostra sarà accompagnata dal film Sky Original "The Hanging Sun", diretto da Francesco Carrozzini che sarà presentato Fuori Concorso. La

Approfondimenti: 40 anni dalla scomparsa di Peppino De Filippo, volto umano dello spettacolo.

Peppino de Filippo è stato un commediografo e attore teatrale cinematografico e televisivo. Nacque il 24 agosto 1903 e nel 2020 si celebrano i 40 anni dalla sua scomparsa avvenuta nel gennaio del 1980. Di questo grande artista molti si ricorderanno i film in coppia con Antonio de Curtis, Totò, ma in pochi conoscono la sua carriera e la sua vita personale e familiare. Proveniente da una famiglia bizzarra , figlio di Eduardo Scarpetta e fratello di Eduardo e Titina, Peppino fa di cognome "De Filippo" e non "Scarpetta" questo perchè, essendo figlio illegittimo, prese il cognome della madre, una giovane donna che faceva la sarta per il teatro e che era nipote proprio della moglie di Scarpetta. L'infanzia dei De Filippo fu avvolta dall' ombra dell'illegittimità che costrinse i tre fratelli, Titina, Eduardo e Peppino, a chiamare il proprio padre "zio", condizione che proprio Peppino soffrì particolarmente.  Al contrario dei due fratelli, Peppino non

Festival di Venezia 2022: premi e vincitori

Si è concluso l'appuntamento con il Festival del cinema di Venezia 2022 condotto dall' attrice Rocío Muñoz Moral. Non sono mancate 'scene da un matrimonio': Basciano e Codegoni, due concorrenti del GF 2021, ospiti della kermesse hanno dato spettacolo con un Alessandro inginocchiato con tanto di anello davanti alla sua amata con centinaia di fotografi di tutto il mondo che immortalavano il momento (Basciano aveva già fatto lo stesso gesto sotto le telecamere del GFVIP proponendo alla sua, ora compagna, di fidanzarsi ufficialmente) Sophie naturalmente ha detto sì. Una scena che ha fatto parlare nel bene e nel male criticando la platealità del gesto, ma tutto sommato possiamo dire che è stata una parentesi romantica dove a far spettacolo sono stati i sentimenti veri.  Tanti, gli eventi e i vip che si sono susseguiti in questi giorni e infine la Giuria di VENEZIA 79, presieduta da Julianne Moore e composta da Mariano Cohn, Leonardo Di Costanzo, Audrey Diwan, Leila Hatami, K

E' morta la Regina Elisabetta II

Riproduzione Riservata.

Concorso: 'Il Gioco di Andromeda' il puzzle letterario di Iacopo Cellini

Il gioco di Andromeda è il primo puzzle letterario italiano. Un ‘romanzo enigma’ nel quale ogni capitolo è una pagina del diario del professore accusato dell’omicidio della figlia Andromeda. L’ordine delle pagine è andato perduto… al lettore spetterà il compito di trovare la giusta sequenza e di scoprire il colpevole.   Newton Compton invita i lettori a giocare alla ricostruzione del giusto ordine delle pagine partecipando al concorso a premi che permetterà di vincere libri dal catalogo Newton Compton per un valore di 500€. Il concorso partito il 28 giugno 2022 durerà fino al 28 febbraio 2023. L’estrazione del vincitore e delle riserve avverrà entro il 31 marzo 2023. Per informazioni consultare  il Regolamento  sul sito della casa editrice: www.newtoncompton.com Il testo ha la forma del diario del paziente di un noto manicomio criminale, un ex professore universitario accusato dell’omicidio della figlia, Andromeda.  Le pagine apparentemente non hanno significato, ma in realtà contengon

Samantha Cristoforetti: prima donna europea a capo della Stazione Spaziale

L’astronauta Samantha Cristoforetti dell’Agenzia Spaziale Europea (Esa) dal 28 settembre sarà la prima donna europea a ricoprire il ruolo di comandante della Stazione Spaziale Internazionale, a passarle il testimone sarà il comandante russo Oleg Artemyev. A decidere il ruolo di comandante della Stazione Spaziale sono congiuntamente tutti e cinque i partner della Iss, ossia le agenzie spaziali di Stati Uniti (Nasa), Russia ( Roscosmos), Europa (Esa), Giappone (Jaxa) e Canada (Csa). Cristoforetti diventerà il quinto astronauta europeo ad avere questa carica e il secondo italiano, dopo Luca Parmitano e sarà responsabile delle prestazioni e del benessere dell’equipaggio in orbita, avrà il compito di comunicare con il centro di controllo a Terra e dovrà coordinare l’equipaggio in caso di eventuali situazione di emergenza. «Sono onorata della mia nomina a comandante. Non vedo l’ora di attingere all’esperienza che ho acquisito nello spazio e sulla Terra per guidare una squadra molto capace in

Nel mare vive una lumaca a forma di foglia e produce clorofilla

Ebbene sì, stiamo parlando della lumaca "Elysia chlorotica" (il perchè del nome "chlorotica" lo spiegheremo tra poche righe), si tratta di una lumaca a forma di foglia, si ciba di alghe ma è l'unico animale scoperto fino ad oggi a sfruttare la fotosintesi clorofilliana (ecco motivo del nome) e inoltre recenti studi hanno scoperto che questa particolare specie di lumaca non solo è in grado di trattenere i cloroplasti delle alghe di cui si nutre, ma possiede alcuni geni dell’alga incorporati all’interno del proprio DNA. Da ciò ne deriva che la Elysia chlorotica è in grado di produrre la clorofilla come una vera e propria pianta e sfruttare il sole in modo analogo ad un vegetale per produrre l’energia necessaria per vivere. Già nel 1970 gli scienziati avevano scoperto che la lumaca era in grado di acquisire i cloroplasti dell' alga di cui si nutre e che era in grado di trattenerli all’interno del proprio corpo ma sino ad oggi nessuno riusciva a spiegarsi come m

Recensione: film d'animazione La Famiglia Addams 2019

La Famiglia Addams , la versione cartone animato sviluppato con le tecnologie moderne, fa un passo indietro tornando ai disegni vintage e originali del creatore dei personaggi Charles Addams: Mortisia alta e magrissima, Gomez grossiccio e basso, Mercoledì con la testa allungata e pallida "in bianco e nero" come si definisce lei stessa nel film e dal carattere depresso, insomma un pò diversi dalle serie o dai film e anche dai cartoni animati visti fino ad oggi  nei quali sono stati applicati dei piccoli cambiamenti estetici.  In ogni caso in questo film non ci si limita a tornare indetro nell'aspetto dei personaggi ma si riprendono alcune caratteristiche comportamentali degli stessi come ad esempio Gomez che per rilassarsi si mette a testa in giù con la comodità di uno seduto sul divano.  La trama vede la nostra famiglia alle prese con i preparativi di una festa alla quale parteciperanno tutti i loro parenti, come spesso accade, ma questa volta a turbare gli equilibri sarà

Recensione libro: Sorella scimmia fratello verme, scritto da Piergiorgio Odifreddi

Un libro accattivante, riflessivo, ironico scorrevole di facile lettura ma anche storico-scientifico. Odifreddi questa volta si imbatte nella scoperta del mondo animale e del contributo che essi hanno dato alle scoperte scientifiche durante la storia, provando così che essi sebbene spesso sottovalutati dagli Uomini non sono poi così "inferiori" a noi anzi, ci hanno aiutato a comprendere tanto di ciò che oggi è intorno a noi nel nostro quotidiano e a fare molte scoperte. Gli animali quindi non sono solo animali da compagnia o "fonte di cibo" come detto dallo stesso autore ma molto di più. Pensando che siamo tutti parte della natura, il Professore ha stilato una carrellata di esempi che vedono uomo e animale messi a confronto sullo stesso piano delle scoperte scientifiche: si passa dai conigli ai ragni il cui filo resistentissimo, notò Primo Levi, si solidifica secondo un processo più efficace di quelli messi a punto dall'uomo: per trazione; le rane, i moscerini d