Passa ai contenuti principali

Festival del cinema di Venezia 2021: tutti i film presenti quest'anno

Dall' 1 all' 11 settembre Venezia si animerà di ospiti che sfileranno sul red carpet per il consueto Festival del Cinema, pronto a offrire agli amanti del cinema nuove pellicole in anteprima assoluta. 

È un programma ricco di film da scoprire quello di questa 78esima edizione; ventuno film nella sezione Venezia 78 (Concorso), diciannove pellicole nella sezione Fuori Concorso, tre nella sezione Proiezioni Speciali, diciannove nella sezione Orizzonti, otto nella sezione Orizzonti Extra e, infine, sei titoli nella sezione Biennale College – Cinema.


Ecco di seguito la lista completa dei film presenti quest' anno


Venezia 78 - Concorso


Madres paralelas

Regia Pedro Almodóvar

Interpreti Penélope Cruz, Milena Smit, Israel Elejalde, Aitana Sánchez-Gijón, Julieta Serrano, Rossy De Palma / Spagna / 120’




Mona Lisa and the Blood Moon

Regia Ana Lily Amirpour

Interpreti Jeon Jong-seo, Kate Hudson, Craig Robinson, Evan Whitten, Ed Skrein / Usa / 106’




Un autre monde

Regia Stéphane Brizé

Interpreti Vincent Lindon, Sandrine Kiberlain, Anthony Bajon, Marie Drucker / Francia / 96’




The Power of the Dog

Regia Jane Campion

Interpreti Benedict Cumberbatch, Kirsten Dunst, Jesse Plemons, Kodi Smit-McPhee / Nuova Zelanda, Australia / 125’




America Latina

Regia Fabio D’Innocenzo, Damiano D’Innocenzo

Interpreti Elio Germano, Astrid Casali, Sara Ciocca, Maurizio Lastrico, Carlotta Gamba, Federica Pala, Filippo Dini, Massimo Wertmüller / Italia, Francia / 90’




L’événement

Regia Audrey Diwan

Interpreti Anamaria Vartolomei, Kacey Mottet-Klein, Luàna Bajrami, Louise Orry Diquero, Louise Chevillotte, Pio Marmaï, Sandrine Bonnaire, Anna Mouglalis, Leonor Oberson, Fabrizio Rongione / Francia / 100’




Competencia oficial

Regia Gastón Duprat

Interpreti Penélope Cruz, Antonio Banderas, Oscar Martínez, José Luis Gómez, Nagore Aranburu, Irene Escolar, Manolo Solo, Pilar Castro, Koldo Olabarri / Spagna, Argentina / 114’




Il buco

Regia Michelangelo Frammartino

Interpreti Nicola Lanza, Antonio Lanza, Leonardo Larocca, Claudia Candusso, Mila Costi, Carlos Jose Crespo / Italia, Francia, Germania / 93’




Sundown

Regia Michel Franco

Interpreti Tim Roth, Charlotte Gainsbourg, Iazua Larios, Henry Goodman, Albertine Kotting, Samuel Bottomley / Messico, Francia, Svezia / 83’




Illusions perdues

Regia Xavier Giannoli

Interpreti Benjamin Voisin, Cécile de France, Vincent Lacoste, Xavier Dolan, Salomé Dewaels, Jeanne Balibar, Gérard Depardieu, André Marcon, Louis-Do de Lencquesaing / Francia / 144’




The Lost Daughter

Regia Maggie Gyllenhaal

Interpreti Olivia Colman, Jessie Buckley, Dakota Johnson, Ed Harris, Peter Sarsgaard, Paul Mescal, Dagmara Dominczyk, Alba Rohrwacher / Grecia, Usa, Regno Unito, Israele / 121’




Spencer

Regia Pablo Larraín

Interpreti Kristen Stewart, Timothy Spall, Jack Farthing, Sean Harris, Sally Hawkins / Germania, Regno Unito / 111’




Freaks Out

Regia Gabriele Mainetti

Interpreti Claudio Santamaria, Aurora Giovinazzo, Pietro Castellitto, Giancarlo Martini, Giorgio Tirabassi, Max Mazzotta, Franz Rogowski / Italia, Belgio / 141’




Qui rido io

Regia Mario Martone

Interpreti Toni Servillo, Maria Nazionale, Cristiana Dell'Anna, Antonia Truppo, Eduardo Scarpetta, Roberto De Francesco, Lino Musella, Paolo Pierobon, Gianfelice Imparato, Iaia Forte / Italia, Spagna / 133’




On The Job: The Missing 8

Regia Erik Matti

Interpreti John Arcilla, Dennis Trillo, Dante Rivero / Filippine / 208’




Żeby nie było śladów (Leave no traces)

Regia Jan P. Matuszyński

Interpreti Tomasz Ziętek, Sandra Korzeniak, Jacek Braciak, Robert Więckiewicz, Sebastian Pawlak, Agnieszka Grochowska, Mateusz Górski / Polonia, Francia, Repubblica Ceca / 160’




Kapitan Volkonogov bezhal (Captain Volkonogov Escaped)

Regia Natasha Merkulova e Aleksey Chupov

Interpreti Yuriy Borisov / Russia, Estonia, Francia / 120’




The Card Counter

Regia Paul Schrader

Interpreti Oscar Isaac, Tiffany Haddish, Tye Sheridan, Willem Dafoe / Usa, Regno Unito, Cina / 112’




È stata la mano di Dio

Regia Paolo Sorrentino

Interpreti Filippo Scotti, Toni Servillo, Teresa Saponangelo, Marlon Joubert, Luisa Ranieri, Renato Carpentieri, Massimiliano Gallo, Betti Pedrazzi, Biagio Manna, Ciro Capano / Italia / 130’




Vidblysk (Reflection)

Regia Valentyn Vasyanovych

Interpreti Roman Lutskyi, Nika Myslytska, Nadia Levchenko, Andriy Rymaruk, Igor Shulha / Ucraina / 125’




La caja

Regia Lorenzo Vigas

Interpreti Hernán Mendoza, Hatzín Navarrete / Messico, Usa / 92’




Fuori concorso


Il bambino nascosto

Regia Roberto Andò




Les choses humaines

Regia Yvan Attal




Ariaferma

Regia Leonardo Di Costanzo




Halloween Kills

Regia David Gordon Green




La scuola cattolica

Regia Stefano Mordini




Old Henry

Regia Potsy Ponciroli




The Last Duel

Regia Ridley Scott




Dune

Regia Denis Villeneuve




Last Night in Soho

Regia Edgar Wright




Non Fiction:




Life of Crime 1984-2020

Regia Jon Alpert




Tranchées

Regia Loup Bureau




Viaggio nel crepuscolo

Regia Augusto Contento




Republic of Silence

Regia Diana El Jeiroudi




Hallelujah: Leonard Cohen, A Journey, A Song

Regia Daniel Geller, Dayna Goldfine




DeAndré#DeAndré. Storia di un impiegato

Regia Roberta Lena




Django & Django

Regia Luca Rea




Ezio Bosso. Le cose che restano

Regia Giorgio Verdelli




Ennio

Regia Giuseppe Tornatore




Becoming Led Zeppelin

Regia Bernard MacMahon




Serie


Scenes from a Marriage (Episodi 1-5)

Regia Hagai Levi




Corti


Plastic Semiotic

Regia Radu Jude




Liang ye bu neng liu (The Night)

Regia Tsai Ming-liang




Sad Film

Regia Vasili




Orizzonti


Atlantide

Regia Yuri Ancarani




Miracol

Regia Bogdan George Apetri




Piligrimai

Regia Laurynas Bareisa




Il paradiso del pavone

Regia Laura Bispuri




Pu bu (The Falls)

Regia Mong-hong Chung




El hoyo en la cerca

Regia Joaquin Alejandro del Paso Puente




Amira

Regia Mohamed Diab




À plein temps

Regia Eric Gravel




Cenzorka (107 Mothers)

Regia Peter Kerekes




Vera andrron detin (Vera sogna il mare)

Regia Kaltrina Krasniqi




Les promesses

Regia Thomas Kruithof




Bodeng sar (White Building)

Regia Kavich Neang




Wela (Anatomy of Time)

Regia Jakrawal Nilthamrong




El otro Tom

Regia Rodrigo Plá




El gran movimiento

Regia Kiro Russo




Once upon a time in Calcutta

Regia Aditya Vikram Sengupta




Nosorih (Rinoceronte)

Regia Oleh Sentsov




True Things

Regia Harry Wootliff




Inu-oh

Regia Masaaki Yuasa




Orizzonti Cortometraggi Concorso


Don’t get too comfortable

Regia Shaima Al Tamimi




Techno, Mama

Regia Saulius Baradinskas




Descente (4 am)

Regia Mehdi Fikri




Mulaqat (Tempesta di sabbia)

Regia Seemab Gul




Heltzear

Regia Mikel Gurrea




Los huesos

Regia Cristóbal León, Joaquín Cociña




Tou sheng, ji dan, zuo ye ben (Hair tie, egg, homework books)

Regia Runxiao Luo




Il turno

Regia Chiara Marotta




Fall of the Ibis King

Regia Josh O’Caoimh




Pid pokati mai (New abnormal)

Regia Sorayos Prapapan




La fée des Roberts

Regia Léahn Vivier-Chapas




Kanoyama (L’ultimo giorno)

Regia Momi Yamashita



Orizzonti Cortometraggi Fuori Concorso


Ato

Regia Bárbara Paz




Preghiera della sera (Diario di una passeggiata)

Regia Giuseppe Piccioni




Orizzonti Extra

Costa Brava

Regia Mounia Akl




Mama, ya doma (Mama, I’m home)

Regia Vladimir Bitokov




Ma nuit

Regia Antoinette Boulat




La ragazza ha volato

Regia Wilma Labate




7 Prisioneiros

Regia Alexandre Moratto




Land of Dreams

Regia Shirin Neshat, Shoja Azari




Sokea mies, joka ei halunnut nähdä Titanicia (Il cieco che non voleva vedere Titanic)

Regia Teemu Nikki




La macchina delle immagini di Alfredo C.

Regia Roland Sejko




Proiezioni speciali


Inferno rosso. Joe D’Amato sulla via dell’eccesso

di Manlio Gomarasca e Massimiliano Zanin




Ricostruire insieme – Biennale Architettura 2021

di Graziano Conversano




GES - 2

di Nastia Korkia




Pietro il grande



di Antonello Sarno

I più letti del mese

Concorso: 'Il Gioco di Andromeda' il puzzle letterario di Iacopo Cellini

Il gioco di Andromeda è il primo puzzle letterario italiano. Un ‘romanzo enigma’ nel quale ogni capitolo è una pagina del diario del professore accusato dell’omicidio della figlia Andromeda. L’ordine delle pagine è andato perduto… al lettore spetterà il compito di trovare la giusta sequenza e di scoprire il colpevole.   Newton Compton invita i lettori a giocare alla ricostruzione del giusto ordine delle pagine partecipando al concorso a premi che permetterà di vincere libri dal catalogo Newton Compton per un valore di 500€. Il concorso partito il 28 giugno 2022 durerà fino al 28 febbraio 2023. L’estrazione del vincitore e delle riserve avverrà entro il 31 marzo 2023. Per informazioni consultare  il Regolamento  sul sito della casa editrice: www.newtoncompton.com Il testo ha la forma del diario del paziente di un noto manicomio criminale, un ex professore universitario accusato dell’omicidio della figlia, Andromeda.  Le pagine apparentemente non hanno significato, ma in realtà contengon

Recensione libro: Sorella scimmia fratello verme, scritto da Piergiorgio Odifreddi

Un libro accattivante, riflessivo, ironico scorrevole di facile lettura ma anche storico-scientifico. Odifreddi questa volta si imbatte nella scoperta del mondo animale e del contributo che essi hanno dato alle scoperte scientifiche durante la storia, provando così che essi sebbene spesso sottovalutati dagli Uomini non sono poi così "inferiori" a noi anzi, ci hanno aiutato a comprendere tanto di ciò che oggi è intorno a noi nel nostro quotidiano e a fare molte scoperte. Gli animali quindi non sono solo animali da compagnia o "fonte di cibo" come detto dallo stesso autore ma molto di più. Pensando che siamo tutti parte della natura, il Professore ha stilato una carrellata di esempi che vedono uomo e animale messi a confronto sullo stesso piano delle scoperte scientifiche: si passa dai conigli ai ragni il cui filo resistentissimo, notò Primo Levi, si solidifica secondo un processo più efficace di quelli messi a punto dall'uomo: per trazione; le rane, i moscerini d

"Il Poeta che non sa parlare", l'autobiografia di Nino D'angelo

Nino D'angelo è difficile non conoscerlo oggi, sopratutto per gli amanti delle canzoni neomelodiche, ma anche per il suo famoso caschetto biondo che appariva come protagonista in diversi film di alcuni decenni fa. Un uomo poliedrico, umile e gentile, sentimentale e probabilmente anche sognatore che è riuscito, partendo da una vita modesta, ad avere successo, premi e riconoscimenti come cantante, poeta, compositore, regista e attore.  Il tutto viene raccontato dallo stessa artista con umiltà e modestia, senza troppi fronzoli inutili, piuttosto facendo uscire il suo lato più sentimentale e vero (che lo contraddistingue anche artisticamente) in questo libro "il Poeta che non sa parlare". Il Poeta, in questo libro, però parla forse più della persona: ricordi, sentimenti, emozioni si mescolano a poesie; è un racconto molto introspettivo dove D'angelo si mette a nudo con sincerità raccontando successi e disfatte, depressioni, lutti, gioie, la solidarietà degli amici, la pov

Fabio Zuffanti - Segnali di vita. La biografia de 'La voce del padrone' di Franco Battiato.

 Il 21 settembre 1981 è una data destinata a rimanere scolpita nella storia della musica italiana: quel giorno infatti Battiato pubblica il suo undicesi­mo album, La voce del padrone. È il suo lavoro più pop e al tempo stesso più difficile, e infatti all’inizio sono tutti interdetti: che cosa vorrà mai dire «cerco un centro di gravità permanente»? E questa atmosfera così estiva, festosa, questi testi quasi incomprensibili, queste musiche coinvolgenti ma al tempo stesso spiazzanti, che cosa significano? Non che questo disco sia meno raffinato dei precedenti, anzi, ma ha qual­cosa che agli altri mancava: una volontà di comunicazione, di stupire con l’arrangiamento sin dal primo ascolto, e soprattutto c’è il proposito, quasi folle, di arrivare all’immaginario collettivo pur nella complessità estrema di riferimenti, giochi di parole, ermetismo. In ogni caso, Battiato ci riesce: nell’estate del 1982 La voce del padrone è il disco che tutti amano, il più popolare, il più venduto (oltre un mi

OSCAR 2022: tutti i premi e i vincitori

Si è conclusa la Notte degli Oscar 2022 . Tanti gli ospiti, non sono mancati i colpi di scena (non sempre positivi), in ogni caso la serata si è svolta all'insegna della normalità e leggerezza, nonostante il tragico periodo che il mondo sta vivendo. Ecco l'elenco completo delle Vincitori ai Premi Oscar 2022: Miglior Film: Vince l'Oscar 2022: I Segni del cuore - Coda Belfast Don't Look Up Drive My Car Dune Una famiglia vincente - King Richard Licorice Pizza La fiera delle illusioni - Nightmare Alley Il potere del cane West Side Story Fan Favorite: L'Oscar votato da pubblico Vince l'Oscar 2022: Army of the Dead Spider-Man: No Way Home Cenerentola Malignant Dune Il potere del cane Minamata tick, tick… Boom! The Suicide Squad Sing 2 Miglior Regista: Vince l'Oscar 2022: Jane Campion per Il potere del cane Kenneth Branagh per Belfast Ryusuke Hamaguchi per Drive My Car Paul Thomas Anderson per Licorice Pizza Steven Spielberg per West Side Story Migliore Attrice pro

Recensione libro: 'La macchia mongolica' di Massimo e Caterina Zamboni

La macchia mongolica è la narrazione di due viaggi in Mongolia vissuti da Massimo Zamboni inizialmente e successivamente anche da Caterina, sua figlia. Un viaggio, che ha segnato molto la loro vita e la loro filosofia di essa, tanto da cambiarne abitudini, da stravolgere la loro quotidianità per avvicinarla il più possibile, anche in Italia, a quella civiltà che sentono un pò anche far parte di loro. Il libro, edito da Baldini + Castoldi , inizia con il primo viaggio nel 1996 dove Zamboni si accinge a conoscere le usanze, le tradizioni, la civiltà mongola: l'accoglienza, le feste, il cibo, la lavorazione delle pelli, l'uccisione delle pecore, la poca igiene che dai mongoli, che bevono acque torbide e vendono ciotole di sterco, viene vissuta con noncuranza essendo normale tale condizione in natura.  Un popolo di nomadi che tutto costruisce con il fango per creare abitazioni momentanee e non definitive; gruppi di famiglie che considerano la propria casa un mezzo e non un fine.

II. Le origini del cinema: il precinema e il Kinetoscopio di Edison.

Si definisce precinema il periodo che precede appunto la nascita del cinema dei fratelli Lumiere, durante il quale diversi inventori e studiosi crearono degli strumenti per far "muovere le immagini". Dopo la scoperta della fotografia, infatti, ci si interessò a trovare un modo per far muovere le fotografie anche a scopi scientifici e non solo meramente ludici. Ecco così che nacquero varie invenzioni molto importanti come: Lanterna magica Mondo nuovo Taumatropio Fenachistoscopio (ne abbiamo già parlato  qui ) Stereoscopio Cineografo Zootropio Stereofantascopio Prassinoscopio e Teatro ottico Kaiserpanorama Stereo-cinema Esperimento di Muybridge  Il fucile fotografico Kinetoscopio Quest'ultimo, il Kinetoscopio fu inventato da Thomas Edison ed è forse l'invenzione che più si avvicina rispetto a tutti gli altri citati, alla concezione di cinema e alla volontà di creare immagini in movimento in modo sequenziale. Edison per questa invenzione si ispirò al Mondo nuovo, tecn

Esce a Novembre l'autobiografia di Bono 'SURRENDER'

Bono – artista, attivista e cantante del gruppo rock irlandese U2 – ha scritto un’autobiografia intitolata SURRENDER, che verrà pubblicata da Alfred A. Knopf il 1° novembre 2022. Ne ha dato annuncio oggi Reagan Arthur, vicepresidente esecutiva e direttrice di Knopf. Rappresentato da Jonny Geller di Curtis Brown Ltd., SURRENDER verrà pubblicato in hardcover ed ebook, e come audiolibro narrato da Bono da Penguin Random House. Il libro uscirà contemporaneamente in tutto il mondo: oltre che negli Stati Uniti, SURRENDER verrà pubblicato in 15 paesi, tra i quali Regno Unito, Irlanda e Canada. In Italia verrà pubblicato da Mondadori. Sulla carriera di Bono, uno degli artisti più famosi del mondo, si è scritto molto. Ma in SURRENDER è lo stesso Bono a prendere la penna, descrivendo per la prima volta la sua vita straordinaria e le persone che ne fanno parte. Con la sua voce unica, Bono ci porta dalla sua infanzia a Dublino, compresa l’improvvisa perdita della madre quando aveva quattordici ann