Passa ai contenuti principali

Recensione Libro: "Fantozzi dietro le quinte" di Elisabetta Villaggio

Elisabetta Villaggio figlia di Paolo, l'uomo che ha dato origine al mitico Fantozzi ( e non solo), nel 2020 ha deciso di scrivere un memoriale sul padre scomparso da qualche anno, descrivendone gli aspetti più intimi e privati sia in famiglia ma anche sul lavoro mischiando i suoi ricordi da bambina con le testimonianze di attori e addetti ai lavori che con Villaggio hanno lavorato nei set dei vari film dedicati a Fantozzi.

Le amicizie, l'affetto verso i figli dai quali pretendeva molto e forse troppo,; il suo atteggiamento verso il prossimo, non così cinico  e scorbutico come si potrebbe immaginare dai suoi monologhi storici in televisione; le sue abitudini; la sua riservatezza che poteva sembrare un atteggiamento snob ma che ciò non era; l'amicizia con Gassman e Tognazzi, con la sua sarta la sua controfigura; la sua genialità che determina una velocità nella scrittura dei testi e la curiosità nella lettura come anche verso le persone reputate da lui "intelligenti".

Insomma ne esce un libro molto ricco e articolato di ricordi dove stranisce la sua poca confidenza con gli attori colleghi eco protagonisti di Fantozzi. Ad esempio con la Mazzamauro non ebbe nessun legame amichevole.

La figlia si sofferma proprio sui lavori di Fantozzi e non su altri lavori del padre perchè "gli altri lavori, anche drammatici, mio padre li ha fatti come attore, Fantozzi è una sua creatura ed è quindi personalissima".

Un libro molto interessante che scandisce il tempo di questo uomo brillante così sfaccettato e impegnato ma anche ribelle alle costrizioni.

Fantozzi è stato di certo una maschera avanguardistica, descriveva sì la società che parte dagli anni settanta fino all'ultimo film di Fantozzi ma non si colloca solo in quel lasso di tempo; ad oggi troviamo stesse dinamiche nella società, certi comportamenti "scolastici" negli uffici, riconosciamo in varie occasioni personaggi come Filini ma anche come Fantozzi.

Questo perchè Villaggio uomo profondo che rifletteva parecchio, era sensibile e fine osservatore della gente e ne seppe cogliere gli aspetti più divertenti ma anche più tristi (in realtà) di una società che, creata per gerarchie, ha i suoi protagonisti come in un palcoscenico con i propri ruoli e le proprie caratteristiche; tutti omologati. 

Forse è questo quello che Villaggio non amava, questo tipo di stupidità che "l'annoiava" la stupidità umana che non osa a rompere gli schemi, ma che convive e si adatta a dei paletti già preimpostati e che ci portano a riconoscere certe dinamiche anche nel 2021 dei suoi Fantozzi di 30 anni fa.

Lui uomo che di certo ha rotto mentalmente gli schemi e che con attenta e geniale analisi, per nulla banale e superficiale, ha creato dei personaggi crudi messi a nudo nella loro pateticità, ha fatto divertire con leggerezza descrivendo però una società triste su cui bisogna riflettere molto. Questo fa grande sia lui che il suo personaggio e gli altri che gli girano intorno. Sono quasi studi di sociologia travestiti da commedia.

In una narrazione scorrevole Elisabetta Villaggio ha creato un fine memoriale di suo padre con racconti non solo dei collaboratori e dei colleghi ma anche suoi personali, di quando era piccola completando il quadro che pare essere abbastanza esaustivo e completo. 

Un libro che sicuramente mancava, di cui si aveva bisogno e che era giusto fare e chi meglio di un figlio per creare un memoriale di un così bravo e geniale autore e attore che ha contribuito a creare la storia del cinema italiano? 

In questa narrazione si descrive un autore che al pari di Totò o Charlot ha creato una maschera tutt'oggi attuale sapendo imprimerlo nella memoria collettiva di vecchi e giovani che ancora lo amano e citano i suoi tormentoni "Come è umano lei!" "tu mancia!" "la nuvola di Fantozzi" "Batti Lei?" ecc.

Non poteva mancare una biografia su Paolo Villaggio. Grazie alla figlia Elisabetta per questo piccolo tesoro di testimonianze e storia del cinema.

Piccola curiosità: in una delle presentazioni fatte da Elisabetta Villaggio si è parlato anche dell'idea di un ritorno di Fantozzi (ancora nulla di concreto), ci auguriamo che nel caso ci fosse, il ruolo del Ragioniere venga dato a Gianni Fantoni, attore, imitatore proprio di Fantozzi e grande amico di Villaggio, che gli è stato vicino fino a tarda età.


Grazie a Baldini+Castodi per averci inviato il libro

Gli articoli più letti della settimana

II. Le origini del cinema: il precinema e il Kinetoscopio di Edison.

Si definisce precinema il periodo che precede appunto la nascita del cinema dei fratelli Lumiere, durante il quale diversi inventori e studiosi crearono degli strumenti per far "muovere le immagini".

Approfondimenti: 40 anni dalla scomparsa di Peppino De Filippo, volto umano dello spettacolo.

Peppino de Filippo è stato un commediografo e attore teatrale cinematografico e televisivo. Nacque il 24 agosto 1903 e nel 2020 si celebrano i 40 anni dalla sua scomparsa avvenuta nel gennaio del 1980.

Recensione: film d'animazione La Famiglia Addams 2019

La Famiglia Addams , la versione cartone animato sviluppato con le tecnologie moderne, fa un passo indietro tornando ai disegni vintage e originali del creatore dei personaggi Charles Addams: Mortisia alta e magrissima, Gomez grossiccio e basso, Mercoledì con la testa allungata e pallida "in bianco e nero" come si definisce lei stessa nel film e dal carattere depresso, insomma un pò diversi dalle serie o dai film e anche dai cartoni animati visti fino ad oggi  nei quali sono stati applicati dei piccoli cambiamenti estetici. 

27 marzo 2020: il testo integrale dell'omelia di Papa Francesco a Piazza San Pietro per il Coronavirus

Pubblichiamo qui di seguito l'omelia pronunciata da Papa Francesco il 27 marzo 2020 in occasione della preghiera straordinaria per la pandemia da nuovo coronavirus che sta colpendo in questi mesi tutto il mondo facendo tantissimi morti.

Recensione libro : "Il gatto che amava la gentilezza." di Rachel Wells

Lettura interessante quella che ci propone Rachel Wells con il suo ultimo libro Il gatto che amava la gentilezza. Il libro è la sesta pubblicazione di una collana che vede come protagonista il gatto Alfie e le sue avventure colme di insegnamenti e  saggezza.

CORRERE IN ARIA il primo romanzo autobiografico di Larissa Iapichino

Esce il 22 marzo 'Correre in aria' (Mondadori), romanzo autobiografico di Larissa Iapichino, atleta italiana specializzata nel salto in lungo.   «Sono molto felice che questo tratto autobiografico, di un periodo bello quanto difficile che ho trascorso, possa essere letto da tante persone. Credo fermamente che, dove sembrano esserci sfide impossibili, quel che conta è individuare sempre il modo di saltare oltre. È questo il significato della mia storia, perché tutto è impossibile finché non lo si fa. In un mondo liquido, saper governare l'incertezza è fondamentale e lo sport, con misure, obiettivi e sfide, aiuta a temprare il carattere di noi giovani e non solo. Spero che a tutti i lettori venga tanta di voglia di “correre in aria” per andare a prendersi i propri sogni.»     Con queste parole Larissa Iapichino racconta la sua passione per lo sport, per la vita e per le sfide, di qualsiasi genere esse siano, come lo è stata scrivere questo romanzo autobiografico.   Figlia, so

Le origini del cinema: Joseph Plateau e il suo Fenachistoscopio

Quando si parla di come e quando è nato il cinema si pensa subito ai fratelli Lumiere e, in effetti, è giustissimo pensare a loro ma, non tutti sanno che, diversi anni prima qualcuno che poco c'entrava con l'arte, inventò uno strumento che costituì l'elemento principale, se vogliamo, del cinematografo. 

V. Le origini del cinema: Antoine Lumiere e l'invenzione del cinema dei fratelli Lumiere.

Antoine Lumière, padre dei due fratelli, come abbiamo già visto, assistette alla presentazione del Kinetoscopio di Edison; vide anche il Teatro Ottico di Reynaud e rimase molto colpito da entrambe le invenzioni, come tutti. 

Recensione: I viaggi di Gulliver, di Jonathan Swift

I viaggi di Gulliver è un romanzo fantastico scritto nel 1726 dallo scrittore e poeta irlandese Jonathan Swift. L'autore si cimenta nel racconto di strani viaggi in terre uniche, bizzarre e con caratteristiche diverse le une dalle altre come Lilliput, Brobdingnag, Laputa, Houyhnhnm e altre. 

Approfondimento: The Gold Rush - La febbre dell'oro di Charlie Chaplin

Per i cent'anni di Charlot, La Cineteca di Bologna presenta al cinema la versione restaurata di uno dei film più riusciti di Charlie Chaplin: The Gold Rush ovvero La febbre dell'oro.